Sex and the City

Sex and the City – quattro amiche al bar

Come accade per i vini che hanno una Indicazione Geografica Tipica (IGT), Sex and the City dovrebbe avere una Indicazione Temporanea Tipica (ITT), una dicitura che segnali non la provenienza territoriale, ma il periodo temporale “giusto” in cui poter apprezzare al meglio le sue sfumature.

L’etichetta di Sex and the City dovrebbe riportare “ITT: dai 30 ai 45 anni (massimo 50)”. Già, perché Sex and the City è una serie che va capita. Bisogna entrare in risonanza con le protagoniste e per fare ciò è necessario avvicinarsi temporalmente alle loro età in modo tale da potersi immedesimare come si deve nelle turbe mentali di una donna sulla trentina.

Quattro amiche al bar

Sex and the City, che ormai ha compiuto la veneranda età di 22 anni, narra le vicende di quattro amiche sulla trentina (Samantha è l’unica quarantenne) che vivono a New York, alle prese con la loro vita sentimentale e sessuale. Già, sessuale. Quattro amiche che, al pari dei maschietti, si incontrano e si raccontano le avventure sessuali nei dettagli e nei particolari più intimi, sdoganando lo stereotipo per cui “le donne non parlano mai di sesso”.

Carrie Bradshaw

Interpretata da Sarah Jessica Parker, Carrie è appassionata di moda e, soprattutto, di scarpe e si occupa di redigere articoli per la sua rubrica giornalistica sul New York Star, Sex and the City. Io narrante di ogni episodio, Carrie commenta le vicende che scuotono il gruppo delle fantastiche quattro ed esterna le sue riflessioni sugli uomini, sulle relazioni sentimentali, sull’amicizia, sul sesso, sull’amore.

Nel corso delle stagioni ha avuto diverse relazioni: Aiden, il designer, Jack, lo scrittore, Aleksandr, l’artista, e Mister Big. Ho messo per ultimo Mister Big per aprire una parentesi sulla loro relazione: il loro è un grande amore tormentato. In 94 episodi si sono innamorati, lasciati, odiati, riavvicinati, confortarti, detestati, hanno provato a stare con altre persone per capire, alla fine, che il loro è un legame unico e che sono fatti per stare insieme. A volte è così, bisogna fare dei giri lunghissimi per arrivare a un punto di consapevolezza che, col senno di poi, era evidente sin dall’inizio.

Samantha Jones

Interpretata da Kim Cattrall, Samantha è una quarantenne lavorativamente molto impegnata: possiede un’agenzia dI pubbliche relazioni molto gettonata, il che le permette di partecipare alla vita esclusiva della New York “bene”.

Ma Samantha non è solo dedita al lavoro: apertamente amante del sesso, colleziona appuntamenti che con l‘amore romantico non hanno nulla a che fare ed é sempre pronta a sperimentare nuove trasgressioni. Questa sua propensione per il sesso più che per l’amore fa sì che, nel corso delle sei stagioni, stabilisca pochissime relazioni stabili, l’ultima delle quali con Smith, un giovanissimo e attraente attore.

Miranda Hobbes

Interpretata da Cynthia Nixon, Miranda è una avvocatessa di successo con una forte ambizione nell’ambito lavorativo piuttosto che nella vita sentimentale. Sempre molto scettica nei confronti della lealtà degli uomini, è una donna con i piedi per terra che non si lascia andare a fantasie sull’amore romantico.

In un mondo dominato dal maschilismo, lei ha faticosamente raggiunto un successo economico e lavorativo e difende questi suoi traguardi con le unghie e con i denti. Perlomeno finchè non scopre di aspettare un bambino da Steve (uomo di cui lei si innamora e con cui instaura, come la sua migliore amica Carrie, un amore tormentato).

Quando scopre di essere incinta, la sua vita cambia e il suo lato cinico lascia un piccolo spazio a quello tenero, mostrando tutte le difficoltà che si presentano nel rendere possibile una convivenza serena tra i ruoli di madre e donna.

Charlotte York

Interpretata da Kristin Davis, è alla costante ricerca del suo principe azzurro. In netto contrasto con le sue amiche, si rivela timida e imbarazzata quando si parla di sesso, difendendo la sua visione romantica dell’amore.

Il suo sogno non è avere successo in ambito lavorativo (il fatto che la sua carriera da gallerista finisca per lei, infatti, non è un problema) quanto piuttosto trovare l’amore con la A maiuscola e creare una famiglia. Tenace nel perseguire questo scopo Charlotte, dopo un matrimonio fallito con Trey, convola nuovamente a nozze con Harry, il suo avvocato divorzista. Con lui, finalmente, crea la sua famiglia felice, adottando una bambina.

Personaggio rivelazione

New York. Lo so, non è un essere umano, ma in Sex and the City quasi lo diventa. Tutte le quattro protagoniste ne sono affascinate, nutrendo nei suoi confronti un amore reverenziale (in particolare Carrie). In ogni episodio è presente almeno uno scorcio di questa città metropolitana: le strade piene di traffico e di taxi gialli, gli alti grattacieli grigi, il verde di Central Park, i bar e i club esclusivi, i fiumi di persone che pullulano i marciapiedi, gli alberi ricoperti di neve nel periodo invernale.

In Sex and the City, New York ci viene mostrata così, nelle sue contraddizioni, senza farle sconti di nessun tipo: caotica, romantica, sconclusionata, malinconica, poetica e nostalgica.

E il finale?

Il finale ci sta, non entrerò in merito anche se qualcosa ho già detto parlando dei singoli personaggi, (forse pure troppo), ma è una chiusura assolutamente concepibile per una serie tv del genere.

Quello che un po’ mi rammarica è ciò che è stato creato dopo perché, per me, Sex and the City coincide con le 6 stagioni e i 94 episodi. Niente serie tv prequel, né film sequel (soprattutto questi evitateli come la peste, non so, mi hanno dato l’impressione di essere dei cinepanettoni made in USA).

Voglio rimanere col dolce ricordo di queste quattro amiche, ognuna con la propria particolarità (Carrie l’introspettiva, Samantha la trasgressiva, Miranda la cinica, Charlotte la romantica) che esplorano in maniera leggera e ironica ma non superficiale, la femminilità (o perlmeno provano a dirne qualcosa).

Se vi é piaciuto questo articolo lasciate un mi piace e correte a dad e uno sguardo a tutte le altre recensioni delle migliori serie tv cliccando su questo link.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: